Ellen DeGeneres utilizza Alla ricerca di Dory per criticare il “Muslim ban” di Donald Trump

Mentre le grandi metropoli statunitensi sono invase da manifestazioni di protesta contro le nuove direttive riguardo i rifugiati e gli immigrati provenienti da alcuni specifici paesi, il Presidente Donald Trump ha ospitato la sua prima proiezione alla Casa Bianca, scegliendo per l’occasione il film Pixar Alla ricerca di Dory.

Molti membri del cast e della crew del film si sono immediatamente dissociati, tra cui il regista Andrew Stanton, il produttore Angus McLane e la voce originale di Marlin, Albert Brooks.

Infine anche Ellen DeGeneres, voce della pesciolina Dory, si è espressa sull’accaduto, utilizzando la storia del film per criticare la politica del nuovo Presidente americano, in diretta dal suo The Ellen Show.

“Alla ricerca di Dory parla di una pesciolina che si chiama Dory e vive in Australia. Questi sono i suoi genitori, che vivono in America. Dory arriva in America con i suoi amici Marlin e Nemo e si ritrova al Marine Life Institute dietro un gigantesco muro, che deve superare. E, non ci crederete, ma quel muro non ha davvero alcun effetto nel tenerli all’esterno. Anche se Dory riesce a entrare in America, finisce per essere separata dalla sua famiglia. Ma gli altri animali la aiutano, animali che non hanno neanche bisogno di lei, animali che non hanno nulla in comune con lei, la aiutano anche se sono di colori completamente diversi, perché questo è ciò che si fa quando si vede qualcuno in difficoltà: lo si aiuta.”

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...