The Lion Guard – La Recensione!

Pronti a ritornare nella Savana a suon di Zuka Zama?

 

12837166_1231186213578074_2096108427_o

 

Dopo lo strepitoso successo avuto negli Stati Uniti e in Inghilterra, The Lion Guard, la nuova serie animata targata Disney Television, è pronta a debuttare in simulcast su Disney Junior e Disney Channel (canali disponibili su Sky e Mediaset Premium) il prossimo 11 Marzo alle ore 20:00 con un episodio speciale della durata di 45 minuti.

 

12822850_1231186220244740_2020387102_o

 

In The Lion Guard, ritroveremo alcuni vecchi personaggi resi famosi dal 32° Classico Disney, Il Re Leone, oltre ad altri nuovi tra cui Kion, il secondogenito di Simba e Nala. La serie racconta le avventure del piccolo leoncino e dei suoi amici che compongono la Guardia del Re.

Nell’episodio speciale, The Lion Guard: Il Ritorno del Ruggito, Simba affida al piccolo Kion il compito di formare una nuova pattuglia che proteggerà le terre del branco e il Cerchio della Vita, dopo l’esperienza passata di suo zio Scar, fallita miseramente.

Nonostante le resistenze del padre, Kion non si affiderà ad un gruppo di leoni valorosi, ma chiederà aiuto ai suoi amici: Banga, il coraggioso tasso del miele, Fuli, un ghepardo velocissimo; Beshte il forte ippopotamo e Ono l’airone intellettuale dalla vista acuta. Simba, non sarà l’unico ad essere scontento dalla nuova guardia. I piccoli animali, si scontreranno anche con i Reietti delle Terre di Nessuno, capitanati dalla feroce iena Giangia, ma l’aiuto del vecchio Mufasa, aiuterà il piccolo Kion a riportare la pace nel Regno.

 

12810196_1231186230244739_1223925520_o

 

The Lion Guard, non è la solita serie animata destinata ad un pubblico prescolare, ma è anche indirizzata a giovani adulti. I temi e i personaggi sono stati creati e studiati con la consulenza degli esperti di educazione ambientale, che lavorano al parco a tema Disney ‘Animal Kingdom; questi hanno fornito suggerimenti sulle caratteristiche, comportamenti e habitat delle specie animali presenti nel film, nonché l’ispirazione per dare vita alle vicende raccontate nel cartoon, che si basano proprio sulla loro esperienza diretta.

Daniel Sanchez, responsabile del bioparco Zoom Torino, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante la conferenza stampa in cui è stato presentato il nuovo progetto: “Quando i bambini vedono gli animali da vicino, gli si apre un nuovo mondo: scoprono qualcosa che di solito guardano solo in tv. In questo modo si crea un processo di apprendimento emozionale. Nello spazio Zoom Torino, possiamo riscontrare queste emozioni. Nella serie i leoni sono i Re della Savana, perché a differenza di altri animali hanno un comportamento più etico. Nel film che inaugura la nuova serie Disney, viene citato un insegnamento importante, quello che può essere definito il motto dei leoni: non si deve prendere più di quanto ci è necessario per sopravvivere. Tale valore lo perdiamo crescendo ma è importante ricordarlo costantemente. I bambini che imparano a conoscere gli animali diventano persone più sensibili e migliori perché una volta appresa l’importanza del rispetto verso ogni essere vivente saranno portati a replicare questo comportamento anche con i propri simili e a diventare amanti del mondo che li circonda lasciando sul pianeta una traccia di bontà. Spero che in futuro tutto questo serva a salvare la Natura.”

 

12528280_1231186226911406_795981492_o

 

Per quanto riguarda l’animazione, il progetto non si distacca più di tanto dagli standard di Disney Junior. L’uso parziale del 2D però, ci permette di poter apprezzare maggiormente The Lion Guard rispetto ad altri prodotti esclusivamente in 3D. E’ una scelta coraggiosa e inusuale per un progetto Disney, data la presenza costante di film esclusivamente in computer grafica al cinema negli ultimi tempi. Naturalmente non viene eguagliata la qualità visiva del Classico Disney a cui la serie è ispirata, ma le semplici atmosfere e l’uso di colori caldi, permettono di poterci rituffare nella Savana e nel territorio di Simba e di rincontrare alcuni vecchi amici, come Timon e Pumbaa, presentati per la prima volta sullo schermo nel lontano 1994. The Lion Guard è un progetto palesemente diverso da Il Re Leone, sia per i temi, sia per l’innocente caratterizzazione dei personaggi, sia per il tono adulto e autoriale che viene purtroppo a mancare. Tuttavia, come detto in precedenza, è un ottimo mezzo per avvicinare il pubblico più giovane al mondo animale e ricordare l’importanza e il rispetto della Natura anche agli adulti.

 

12421957_1231186216911407_2017371255_o

 

The Lion Guard è prodotto e sviluppato da Ford Riley (Agente Speciale Oso) e diretto da Howy Parkins (Jake e i Pirati dell’Isola Che Non C’è). Christopher Willis (Topolino) e Beau Black, si sono invece occupati della colonna sonora, con 21 canzoni originali ispirate alla tradizione africana e swahili, comprese le quattro dell’episodio speciale in cui la fa da padrona Zuka Zama, quello che tra virgolette può essere considerato il nuovo Hakuna Matata.

Dopo il film di 45 minuti che andrà in onda l’11 Marzo, le avventure di Kion e dei suoi amici, continueranno a partire dal 6 Aprile ogni Mercoledì alle 17:00 su Disney Junior.

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...