Dove vivono i sogni – Muoversi a Disneyland – Parte 17

Quest’oggi Discoveryland ci fa vivere esperienze a quattro ruote e… “verso l’infinito e oltre!”

Vi ricordiamo che la rubrica è a cura del nostro Lorenzo Dottorini, con la collaborazione speciale di Andrea Bonucci.

Per leggere tutti i numeri precedenti, clicca QUI

Potete commentare i nostri articoli con gli hashtag #ImperoDisneyland e #DisneylandParis.

Cosa ci può far pensare al mondo della tecnologia e al progresso in questo campo più dell’immenso e tanto sconosciuto universo? Viaggi verso pianeti extraterresti a bordo di navicelle ricche di luci e ogni possibile congegno all’avanguardia! E perché no, creature misteriose, in alcuni casi primitive, ma il più delle volte con conoscenze e mezzi che noi terrestri non potremmo neanche immaginare! Eppure, finora almeno, tutto ciò lo abbiamo immaginato proprio noi esseri umani, grazie ad alcune menti brillanti dalla vivissima fantasia creativa e dallo sviluppato ingegno. E, ormai lo abbiamo ripetuto tante volte, Discoveryland è un’area dedicata proprio a loro.

buzzIn particolare avevamo posto la nostra attenzione su un edificio un po’ diverso dal resto delle strutture visibili sulla piazza principale, dai suoi colori freddi e accesi, tinte quasi fluo. Le antenne e le parabole che osserviamo sul tetto, ci fanno pensare proprio allo spazio. Al centro lui, lo Space Ranger più famoso di tutti, il mitico Buzz Lightyear! Siamo di fronte all’entrata di una delle attrazioni più particolari del Disneyland Park: la Buzz Lightyear Laser Blast. La struttura è piuttosto analoga a quella delle altre dark ride che abbiamo incontrato sulla nostra strada ma con un ingrediente in più che renderà ogni vostro giro diverso di volta in volta. La storia narrata durante il percorso non è quella di alcun lungometraggio, ma la conosciamo comunque per i vari riferimenti presenti nella trilogia di Toy Story, specialmente nel secondo capitolo (e ancor di più nella serie animata Buzz Lightyear da Comando Stellare): gli space rangers, capitanati dal nostro Buzz, sono impegnati nella lotta contro il malvagio Imperatore Zurg; ma avranno bisogno di tutto l’aiuto possibile per riuscire nell’impresa… ed ecco che entriamo in gioco noi! Ogni vettura permetterà a due ospiti di diventare degli space rangers equipaggiati di futuristiche pistole laser con le quali colpire i diversi bersagli disseminati sul percorso. Non solo potrete sfidare i vostri amici a totalizzare il punteggio più alto ma anche confrontare il vostro risultato con la classifica per verificare se siete solo degli “Star Cadets”, dei più esperti “1st Class Rangers” o dei leggendari “Galactic Heroes”! Sarà entusiasmante quindi provare anche a migliorare il proprio risultati di volta in volta, tentando di scalare tutti i 7 gradi di questa graduatoria. Ma la vostra esperienza sarà sempre diversa non solo per questo. Si tratta di una ride interattiva i cui animatronics e scenari reagiranno in diversi modi a seconda dei bersagli che riuscirete a colpire, a volte rivelandone anche di nuovi e più succulenti. Vi consiglio di fare attenzione mentre siete in fila alle informazioni riportate su appositi pannelli che vi illustreranno a cosa mirare e quanti punti vi saranno accreditati nel colpire i diversi tipi di obiettivi. Ma, durante la cosa, una grossa emozione per ogni appassionato della Pixar e della saga di Toy Story, sarà sicuramente trovarvi faccia a faccia con il bellissimo animatronic di Buzz Lightyear, animato in modo incredibile specialmente per quanto riguarda il volto. Per un attimo vi sembrerà di essere al cospetto del vero Buzz! Ultima curiosità prima di passare oltre: in precedenza questi locali erano occupati dall’attrazione “Le Visionarium” alla quale abbiamo accennato all’inizio del nostro tour di Discoveryland; ebbene la piccola robottina 9-Eye, attraverso gli occhi della quale veniva reso possibile il viaggio visionario tra presente, passato e futuro, è ancora presente nella prima stanza della ride… vediamo se riuscite a trovarla!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Terminato questo fantasioso viaggio nell’universo, potremo facilmente accedere al negozio Constellations. Entrando vi sembrerà di essere in un’astronave, grazie ai colori e alle luci di atmosfera. Lo store, oltre ai gadget standard presenti in tutte le altre boutiques del parco, è particolarmente fornito di prodotti a tema Toy Story, specialmente dedicati a Buzz Lightyear, una statua del quale troneggia al centro dell’ambiente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci allontaniamo ora da quello che abbiamo classificato come il settore dedicato al futuro tecnologico, per incamminarci altrove, verso sud. Per adesso continuiamo ad ignorare “Orbitron” e le sue navicelle che dominano la piazza principale di Discoveryland, per recarci verso l’attrazione più ingombrante dell’area. Abbiamo parlato dei colori accesi e sgargianti, benché freddi, della “Buzz Lightyear Laser Blast” e che ben rappresentano la nostra idea di tecnologia spaziale. Possiamo aggiungere che queste tonalità ricordano molto quelle delle luci a neon, molto in voga negli anni ’50, durante il boom economico. Queste occupavano un ruolo tutt’altro che marginale soprattutto quando in quel periodo si cercava di immaginare il futuro. E sono proprio questo tipo di colori e atmosfere quelli ai quali è ispirata la zona di cui stiamo per trattare e che ospita Autopia.

Abbiamo parlato di boom economico e sicuramente uno dei simboli indiscussi di tale fenomeno è l’automobile, ingrediente principale di “Autopia”. Attorno a due grosse strutture circolari, ricche di luci a neon e antenne (per certi versi, come dicevamo, simili a quelle viste in precedenza), collegate tramite un ponte, si costituisce la fila. Questa, una volta arrivati nei pressi della zona di imbarco, si biforcherà, dando accesso a due carreggiate ognuna attraversata da due corsie. A seconda della carreggiata nella quale si sarà selezionati, si percorrerà un circuito diverso, mentre a seconda della corsia sulla quale avverrà l’imbarco, si avrà la possibilità di pilotare vetture con la guida a destra o viceversa a sinistra. Ogni automobile potrà ospitare due passeggeri, di cui solo uno avrà i comandi, in quanto chi avrà il controllo dei pedali e del volante, guiderà a tutti gli effetti il veicolo. Non spaventatevi, le auto hanno comunque dei tracciati prestabiliti da percorrere oltre i quali non sarà possibile uscire, quindi, anche chi volesse guidare senza essere abituato a governare una macchina, potrà farlo senza arrecare alcun danno agli altri visitatori o a se stesso. Le piccole biposto hanno un aspetto futuristico, così come lo si sarebbe immaginato negli anni ’50 e sono fornite di cintura di sicurezza che preserverà i passeggeri da eventuali frenate brusche. Anche per quanto riguarda questa attrazione sarà interessante farvi un giro più di una volta per poter provare diverse esperienze, a seconda dei percorsi e del tipo di guida cui si sarà destinati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

È tempo ora di muoverci e visitare quello che è il cuore di Discoveryland, l’area che ospita la sua attrazione più famosa e che ne è il simbolo. Più in generale si tratta della zona nella quale si avverte maggiormente l’influenza delle opere di grandi pensatori e visionari del passato, primo fra tutti del grande Jules Verne. E per far questo, è tempo, tornando al centro della piazza principale, di fare un giro sulle navicelle di quello strano e spaziale obelisco che domina l’ambiente e che più volte abbiamo citato col nome di Orbitron.

Tutto questo e molto altro nel prossimo numero, sempre qui, dove vivono i sogni!

La domanda del topic:
(Potete rispondere con un commento oppure su Facebook o Twitter usando gli hashtag #ImperoDisneyland e #DisneylandParis)

Da bravi visionari proviamo a immaginare il futuro dei Parchi Disney: quali attrazioni, spettacoli, parate vorreste vedere lì dove vivono i sogni?

Annunci

Una risposta a “Dove vivono i sogni – Muoversi a Disneyland – Parte 17

  1. Pingback: La Bella e la Bestia e Big Hero 6 arrivano al Tokyo Disneyland | Impero Disney·

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...